Un progetto del Centro Einaudi
dedicato allo sviluppo
e al futuro delle città

Banca dati

Cultura

Il numero di addetti impiegati nel settore fieristico e congressuale torinese corrisponde a 7,3 ogni 10.000 addetti totali, posizionandosi in ottava posizione fra le città metropolitane, prima delle quali Bologna con 21,7 addetti ogni 10.000 totali, fanalino di coda Reggio Calabria con 2,3.

Analizzando i dati nell’arco temporale ventennale, è possibile osservare come i musei torinesi abbiano all’incirca quadruplicato il numero di visitatori, passando da 1.216.454 visitatori nel 1998 a 4.964.769 nel 2019, nell'anno 2020, a causa delle chiusure legate alla pandemia in atto, i visitatori sono stati 1.299.197.

Il settore cinematografico torinese riporta, nel 2019, dopo due anni di lieve diminuzione sia a livello comunale sia a livello di città metropolitana (rispettivamente -4,7% e -6,8% spettatori); una ripresa (+6,1% e +10,4% spettatori) fenomeno in linea con i valori nazionali, anche in questo caso il dato relativo all'anno 2020 (-72% spettatori rispetto all'anno precedente) va letto come conseguenza delle chiusure dovute al Covid19.

Gli eventi fieristici torinesi, realizzati nel 2019, sono quasi triplicati rispetto ad una decina di anni fa, passando, infatti, da 3 eventi del 2009 agli 8 del 2019; il capoluogo piemontese si posiziona in quinta posizione nella graduatoria delle città italiane in cui si registra l’allestimento di eventi fieristici; preceduta da Verona (12), Rimini (14), Bologna (20), e Milano-Rho (62).

 

Per una spiegazione dei dati presenti nelle tabelle, si consulti il Glossario.

(aggiornamento: Aprile 2021)

Diventa nostro amico su Facebook

Eventi e news

Banca dati

bdrgr-final-logo-transparent

 

ACCEDI>

Partners

Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x