Un progetto del Centro Einaudi
dedicato allo sviluppo
e al futuro delle città

Rapporto su Torino - 2017

copertina to 2017

Recuperare la rotta

2017 - Diciottesimo Rapporto Giorgio Rota su Torino

Il Rapporto quest’anno si apre con l’approfondimento rispetto allo stato di salute del tessuto economico torinese, alla capacità delle imprese di produrre, creare lavoro e reddito, ma anche di esportare, innovare, dare vita a start up. La seconda parte si occupa della capacità di tenuta del tessuto sociale, in particolare delle disuguaglianze e della capacità di risposta del welfare a bisogni di base, come la casa o la salute. Un nuovo corredo di mappe illustra le differenze socioeconomiche tra le varie zone di Torino e dei comuni della cintura.

 

Invito

Sintesi

 

Scarica la pubblicazione in formato PDF:

Video della presentazione del 07/10/2017

Torino Atlas

Torino Atlas. Mappe del territorio metropolitano

L'Atlante – frutto di un lavoro di quasi due anni, che ha coinvolto un centinaio di persone tra ricercatori, grafici, soggetti – vuol combinare correttezza scientifica e racconto divulgativo, rivolgendosi ad attori locali, esperti, cittadini interessati ad approfondire i tanti temi che definiscono il sistema urbano torinese formato dal capoluogo e dai 14 comuni della cintura.

La città e i suoi numeri

In questo report, a doppio marchio Rapporto Giorgio Rota e Urban Center Metropolitano, sono illustrate le principali statistiche che forniscono elementi utili per capire il territorio, coglierne i cambiamenti e interpretarne la prospettiva su scala metropolitana.

Ecco come si spostano i torinesi

Continua la collaborazione con il quotidiano La Stampa con l'uscita della seconda inchiesta basata sui dati del Rapporto Rota

Continua la collaborazione fra il Rapporto Giorgio Rota e il quotidiano La Stampa. In concomitanza con l’aggiornamento della sezione Mobilità della Banca dati, sul quotidiano torinese dell'8 gennaio 2017 è uscita la seconda inchiesta basata sui dati del Rapporto Rota, Ecco come si spostano i torinesi, che include anche un’intervista a Luca Staricco, coordinatore del Rapporto.

Scarica l'articolo Ecco come si spostano i torinesi

Errata corrige: a pagina 43 i grafici del tasso di motorizzazione e delle strisce blu sono stati invertiti.

Nell’ultimo ventennio il volume complessivo degli spostamenti nell’area torinese è diminuito, ma l'auto continua a costituire il mezzo più utilizzato per gli spostamenti, con un'incidenza del 43,4% nel capoluogo, del 57% nei comuni della cintura metropolitana e del 70,5% nel resto della provincia. Il tasso di motorizzazione a Torino è in riduzione, ma meno di quanto capiti nelle altre principali città italiane. È, invece, in corso il rinnovo del parco auto, infatti, nel capoluogo piemontese si registra la quota più alta di veicoli Euro VI.

Per quanto riguarda le politiche per regolare la sosta e la circolazione dei mezzi privati, nel confronto con le altre città metropolitane, Torino è al quinto posto per densità di aree ZTL e al quarto per numero di parcheggi a pagamento, mentre è in forte ritardo per quelli di interscambio. Da molti anni detiene il primato per km di piste ciclabili per superficie comunale e i servizi di car sharing e bike sharing sono ben avviati sul territorio.

Da metà degli anni Duemila è in corso nell’area torinese una ripresa significativa del trasporto pubblico: con la progressiva attivazione della linea 1 del metrò, si è nettamente invertito il trend di forte calo dei passeggeri (scesi del 15,7% tra il 1991 e il 2004). Nel confronto con le altre città metropolitane, per quanto riguarda il numero di posti offerti per abitante, Torino è al quinto posto, mentre è sesta per passeggeri trasportati all’anno per ogni abitante.

Nell’ambito degli spostamenti a lunga percorrenza, il traffico sulle principali autostrade che servono l’area torinese, dopo essere stato in calo costante dal 2011, nel 2015 registra un incremento del 3-4% su tutte le tratte. Sono aumentati i collegamenti dell’alta velocità fra Torino e le principali città italiane. Nonostante il numero di passeggeri dal 2000 al 2015 sia aumentato, Caselle, nel confronto con gli altri principali aeroporti che servono le città metropolitane, è al quattordicesimo posto per numero di passeggeri, mentre era al nono posto nel 2000.

La banca dati del Rapporto Giorgio Rota mette a disposizione degli utenti i dati raccolti nel corso degli anni dal gruppo di ricerca del Rapporto. È organizzata in 9 sezioni: Demografia, Economia e innovazione, Formazione, Ambiente e sicurezza, Mobilità, Sanità e assistenza, Trasformazioni urbane, Cultura, Energie. Contiene dati su Torino in serie storica e di confronto con le altre principali metropoli italiane e straniere. Gli indicatori proposti sono stati scelti dopo un’attenta analisi dei dati attualmente disponibili. Per ogni sezione ci sono, inoltre, un breve commento alle statistiche proposte, un glossario e un elenco di link a siti d’interesse.

Diventa nostro amico su Facebook

Banca dati

bdrgr-final-logo-transparent

 

ACCEDI>

Partners

Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x